Archivio

Archivio Maggio 2005

Procreazione assistita:Io blasfemo?Appello al timorato di Dio.

30 Maggio 2005 4 commenti


La scelta di astenersi dal voto in questo come in altri casi appartiene a quella ?cultura? propria del timorato di Dio, che obbedisce al dictat della Chiesa Secolare senza porsi nessuno scrupolo sociale e forse credendo in fede di far cosa buona e giusta? fregandosene, da buon cristiano, del fatto che malauguratamente ci troviamo a percorrere il nostro cammino terreno e che proprio per questo nostro infimo stato, alcuni dei nostri numerosi guai perlopiù ignoti ai luoghi sacri, dobbiamo risolverceli da noi, poveri mortali.

Intimamente continuo a chiedermi, stolto che sono, quali siano i reali motivi di accanimento della Chiesa contro il referendum sulla procreazione assistita, dal momento che la finalità comune è la salvaguardia della Vita, la vera vita.

Mentre il clero rivendica il diritto secolare di tutelare l’anima già incarnatasi per mezzo dell’embrione umano, da quest ?altra parte ci si preoccupa di tutelare oltre a quest?ultimo,altri involucri carnei di qualche anima che al mondo già ci si trova, magari nella malaugurata condizione di dover convivere con malattie, la cui esclusiva possibilità di cura, è legata proprio all’espressione ?vitale? di questo soffio d?uomo, altrimenti destinato.

E’ per questo che proprio al timorato di Dio è che mi appello ed affermo a gran voce:
Garantire la vita all’embrione significa dovergliela garantire per sempre!

Di seguito uno stralcio degli ultimi atti del vaticano:

Il Papa ed Il cardinale Ruini all’attacco – L’esortazione del Papa a tutti i cattolici arriva nel giorno in cui lo stesso cardinale Camillo Ruini risponde a chi contesta duramente, il diritto-dovere della Chiesa di esprimersi su questa materia. Non è “in alcun modo” una “scelta di disimpegno” ha detto il cardinale, al contrario è una scelta per il futuro. “Osiamo chiedere a tutti – ha detto Ruini – di valutare con serenità anche le ragioni di noi Pastori. Non ci muovono interessi di parte, fosse pure la parte cattolica. Non entriamo in competizioni di partiti, ma ci preoccupiamo unicamente, e concretamente, di quella difesa e promozione dell’uomo che è parte integrante dell’annuncio del Vangelo”.

Fonte Tiscali.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

Berlusquae dixit

28 Maggio 2005 Commenti chiusi


Berlusquae dixit:

:«Siamo playboy ed i nostri ragazzi mandano almeno 10 messaggi al giorno alle loro ragazze».

E? quanto affermato con soddisfazione dal Presidente del consiglio Berlusconi nel vertice con
Il premier inglese TONIBLEEER, per rigettare l?appellativo di ?Malato d?europa? che la comunità internazionale ha affibiato al nostro belpaese.

Da sempre agli italiani viene riconosciuta l?indiscussa galanteria nonchè la voracità e vivacità sessuale, e per questa naturale peculiarità l?automatico fascino esercitato presso la compagine femminile del resto del mondo, soprattutto quella dei freddi paesi anglosassoni o scandinavi. E allora? Significa che siamo ricchi?Significa che dobbiamo stare tranquilli?
E? vero i nostri adolescenti fanno un uso spropositato di cellulari e non solo, con buona pace dei papà cha al mutuo, alla rata dell?automobile e? ai mille euro l?anno per vedere la partita su scai televiscion, debbono aggiungere orgogliosi, anche la paghetta settimanale per mandare dieci messaggi al giorno alla ragazzina del figlio?e allora giù a botte di finanziamenti, prestiti bancari e chi più ne ha più ne metta. E poi pleistescion , capi d?abbigliamento assolutamente firmati, discoteche, palestre e tutte le innumerevoli ed assolutamente evitabili cazzatine che i mass media ?impongono? agli adolescenti per non fare la parte degli sfigati.Tutto questo basta a rappresentare la ricchezza degli italiani?

Qualche tempo fa quando ero più giovane per restare in forma bastava andare a correre ed a fare flessioni al parco, oggi se non vai in palestra per fare i muscoloni sei un coglione! E poi giù con gli anabolizzanti, cocteil di schifezze chimiche da ingurgitare per far gonfiare la massa muscolare?e le tasche dei farmaceutici.
Conosco delle persone che hanno comperato delle attrezzature per fitness…a rate!

Un vero peccato però che a questa cultura estetica assimilabile a quella elennica antica, in questo trionfo di bella gioventù col cellulare e di corpi statuari esposti, in questa epopea di eleganza ,benessere e comunicazione , non ci sia anche un po? di posto per la vera peculiarità che per millenni ha caratterizzato le popolazioni mediterranee:LA CULTURA UMANISTICA.

Ma questa per Berlusconi, è un?altra storia.

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Pirateria multimediale? Caro Signor Giorgio Faletti…

21 Maggio 2005 Commenti chiusi


Presidenza del consiglio dei ministri:pirateria multimediale

il protagonista dello spot Giorgio Faletti è seduto alla sua scrivania quando due Cd schizzano fuori dal masterizzatore e, come due pugnali, si conficcano sul muro uno a destra ed uno a sinistra della testa di Faletti
Claim: ?la pirateria multimediale è un crimine. Stanne fuori!!!?

Caro Signor Giorgio Faletti,
Ma di quale pirateria stà parlando?
Certo che è difficile per un cittadino Italiano medio di trent?anni, che guadagna mille euro al mese, dopo aver esborsato per l?affitto della casa, per la benzina, per la spesa e via via passando per l?assicurazione auto, spese mediche varie ecc.,ammesso che si conceda anche il lusso della pizza il sabato sera, concedersi anche il privilegio di acquistare un suo libro a trenta euro,oppure un CD originale a 25-35 euro, oppure la visione di un film al costo medio di 12 euro a persona (Biglietto+bottiglietta d?acqua+pop corn).

Ma in che zona del pianeta abita lei Signor Giorgio Faletti, morigerato paladino della giustizia e dell?anticrimine che accusa di PIRATERIA uno che masterizza un CD?Allora perchè se è contro la pirateria non fa anche uno spot contro le compagnie assicuratrici e le loro tariffe obbligatorie RC auto?
Mi chiedo perché non faccia una campagna pubblicitaria anche per far abbassare il prezzo di frutta e verdura, della carne, della benzina, delle tariffe luce e gas, eccetera eccetera eccetera?

Vede Signor Faletti mi piacerebbe poterle dare un giorno un appuntamento al supermercato, così giusto per scambiare quattro chiacchiere sulla reali possibilità d?acquisto di generi di prima necessità da parte delle famiglie italiane medie?ma credo che lei oberato com’è dai suoi impegni di lavoro, a fare la spesa sia costretto a mandarci la servitù.

Scusi Signor Faletti, non me ne voglia se a lei scrittore famoso, preferisco ancora di gran lunga la guardia giurata Vito Catozzo.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

RAI, Mediaset ed altre storie:quella tessera n. 1816

13 Maggio 2005 4 commenti


Loggia massonica ?Propaganda 2? Tessera n. 1816 Berlusconi Silvio.

La RAI ?perde? i diritti del campionato mondiale di calcio Germania 2006 a favore di skyTV? Niente paura avverrà molto peggio. Questo non è altro che uno dei tanti episodi di un piano inevitabile partito tanto tempo fa?
Di seguito un passo del famoso ?Piano di rinascita democratica? lo statuto della Loggia P2, dedicato in gran parte al programma per dirottare i mezzi di comunicazione di massa in una direzione:

2) Nei confronti della stampa (o, meglio, dei giornalisti) l’impiego degli strumenti finanziari non può, in questa fase, essere previsto nominativamente. Occorrerà redigere un elenco di almeno 2 o 3 elementi, per ciascun quotidiano o periodico in modo tale che nessuno sappia dell’altro. L’azione dovrà essere condotta a macchia d’olio, o, meglio, a catena, da non più di 3 o 4 elementi che conoscono l’ambiente. Ai giornalisti acquisti dovrà essere affidato il compito di “simpatizzare” per gli esponenti politici come sopra prescelti in entrambe le ipotesi alternative 1c e 1d.
In un secondo tempo occorrerà:
a) acquisire alcuni settimanali di battaglia;
b) coordinare tutta la stampa provinciale e locale attraverso una agenzia centralizzata;
c) coordinare molte TV via cavo con l’agenzia per la stampa locale;
d) dissolvere la RAI-TV in nome della libertà di antenna ex art. 21 Costit.

Indovinate cosa fanno attualmente gli ex piduisti.
Fonte http://www.disinformazione.it/loggiaP2bis.htm

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

Procreazione assitita;cosa accadrà votando SI

10 Maggio 2005 Commenti chiusi


Il 12 e 13 Giugno il referendum parzialmente abrogativo della legge 40/2004 sulla procreazione assistita.
Di seguito un vademecum per ricordarmi personalmente cosa farò il 12 o 13 Giugno VOTANDO SI.

L´idea di un Comitato promotore dei quesiti referendari parzialmente abrogativi della legge n. 40 sulla fecondazione assistita nasce nel febbraio 2004, nei giorni immediatamente successivi all´approvazione della legge stessa.

Il 13 luglio del 2004 esponenti politici dei Democratici di Sinistra, Radicali Italiani, Comunisti Italiani, Margherita, Nuovo Partito Socialista Italiano, Socialisti Democratici Italiani, Forza Italia
Partito Repubblicano Italiano, dirigenti sindacali della CGIL e donne e uomini delle associazioni depositavano in Corte di Cassazione i quesiti referendari.

I quattro quesiti posti per l’abrograzione degli articoli di legge in questione sono i seguenti:

1° Per consentire nuove cure per malattie come l?Alzheimer, il Parkinson, le sclerosi, il diabete, le cardiopatie, i tumori

La legge 40, attualmente vieta ai ricercatori di utilizzare cellule staminali prelevate da embrioni non utilizzati. Le cellule staminali sono cellule che, debitamente orientate, sono capaci di moltiplicarsi, consentendo la cura di una serie di organi vitali. Modificando alcuni articoli della legge, si vuole permettere la clonazione a fini terapeutici, la ricerca clinica sugli embrioni a fini terapeutici e diagnostici e il loro congelamento. La ricerca sulle staminali è consideratafondamentale per combattere malattie come il cancro, la sclerosi, l´Alzheimer, il Parkinson, il diabete e molte altre ancora.
Si tratta di problemi che, solo in Italia, investono circa 12 milioni di persone.
2° Per la tutela della salute della donna

La legge 40 attualmente non consente il congelamento degli embrioni, obbliga la fecondazione di un numero massimo di tre ovuli alla volta con l’obbligo di impiantarli tutti contemporaneamente, senza tener conto delle peculiarità di ogni singolo caso. Così alcune donne possono avere gravidanze con tre gemelli, mentre altre sono costrette a sottoporsi a più tentativi di fecondazione, con pesanti cicli di stimolazioni ormonali e successivi interventi per il prelievo degli ovuli.

La fecondazione assistita inoltre, è riservata oggi solo a coppie sterili. Il quesito invece vorrebbe aprire l?accesso alle tecniche di fecondazione in vitro e di diagnosi dell?embrione anche a quelle coppie che, pur essendo fertili, rischiano di trasmettere al figlio malattie ereditarie.
Non è permessa la cosiddetta “analisi preimpianto”, cioè un esame dell’embrione prima del suo trasferimento nell’utero della donna. Si espone così la donna a un doppio trauma: la possibilità di impiantare un embrione malato e la conseguente probabilità di dover ricorrere a un aborto terapeutico.

Infine, la legge impedisce alla donna di cambiare idea, poiché impone il trasferimento dell´ovulo fecondato anche in assenza di un suo rinnovato consenso.

3° Per l’autodeterminazione e la libertà di scelta

La norma attualmente assicura al “concepito” gli stessi diritti della madre e di ogni persona nata. Per concepito si intende già l’ovulo fecondato, ancor prima che si formi l’embrione. È la prima volta al mondo che questo avviene per legge.
Alla base di questa proposta vi è il timore che questa legge ponga le basi per un successivo intervento sulla legge sull’aborto e che quindi metta a repentaglio importanti libertà già acquisite.
4° Per la fecondazione eterologa

Il quesito vorrebbe ripristinare la possibilità di ricorrere alla donazione di gameti esterni alla coppia. La fecondazione eterologa è una pratica a cui si ricorre solo in casi di grave sterilità.
La legge attuale la vieta categoricamente e viene accusata di voler ridurre il significato di ?maternità? e ?paternità? alla trasmissione di un corredo cromosomico.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

Tutto lecito

8 Maggio 2005 Commenti chiusi


In un paese dove è lecito tutto e tutto è il contrario di lecito ma potrebbe un giorno diventare lecito poiché l?illecito fa comodo che diventi lecito e così via. Quindi è illecito contrarre più di un matrimonio, ma non è più illecito avere più di un amante, è illecito prostituirsi ma non è illecito avere rapporti con una prostituta,è illecito guidare l?auto sopra i 130 km orari ma è lecito costruire automobili che vanno a 300 all?ora, è lecito acquistare delle videocassette originali ma non è lecito riprodurle con una TV di cui non si è corrisposta la tassa di proprietà per possessione di apparecchio di ricezione televisiva, è illecito masterizzare DVD originali però è lecito vendere ed acquistare masterizzatori e DVD vergini, è illecito acquistare a 5 euro un film di prima visione in DVD però è lecito che un cartone animato visto al cinema costi ad una famiglia media dai 30 ai 40 euro (tra biglietti,pop corn ecc.) è illecito bestemmiare ma è lecito commerciare con immagini sacre, è illecito usare sostanze dopanti per lo sport, ma non quando a farlo sono i giocatori della squadra prima in classifica, è illecito l?interesse privato in atti pubblici mentre è lecito governare un paese essendo l?imprenditore più potente di quello stesso paese.
Allora perché non farci male definitivamente?E? illecito adottare un bambino se si è al di sotto di una certa fascia di reddito, però è lecito liberare un omicida con dichiarata patologia mentale e mandarlo a fare l?assistente sociale.
E? lecito sbattere un mostro in prima pagina e dimenticarsene al manifestarsi del prossimo.

Categorie:Senza categoria Tag: ,